Felice Cimatti

Il possibile e il reale


Varia
Euro: 16,00
Pagine: 200
ISBN: 978-88-7578-122-4

Cos’è il “sacro”? Appartiene esclusivamente alla sfera religiosa? È qualcosa che solo i credenti possono provare, oppure raccoglie in sé una serie di valori universali cui oggi – nell’epoca della “morte di Dio” – sembra difficile appellarsi? C’è un legame tra la biologia umana e la capacità di commuoversi di fronte a un’opera d’arte? Queste domande sembrano rimandare a campi del sapere lontani fra loro, se non del tutto inconciliabili, come la politica e la biologia, l’estetica e la teoria del linguaggio, la teologia e le scienze cognitive. Cimatti invece fa dialogare queste diverse tradizioni scientifiche e filosofiche, offrendoci così una tesi inedita: se è vero che al senso del sacro non è possibile rinunciare, in quanto geneticamente inscritto nella biologia dell’“animale uomo”, è altrettanto vero che il sacro è un concetto storico, un prodotto della cultura umana, un’esperienza che l’uomo compie quotidianamente e che erroneamente è stata fatta coincidere con il sentimento religioso. Grazie a un approccio trasversale che accosta antropologia, logica, religione, scienza e filosofia, mistica e linguistica, Felice Cimatti affronta uno dei grandi dibattiti culturali che hanno impegnato sociologi, linguisti e filosofi, e ne dimostra – in un’epoca caratterizzata da un’apparentemente insanabile crisi di valori – l’attualità e l’urgenza.