La tirannia dell’e-mail

Controllate la mail mentre fate colazione? O sul BlackBerry, nel bel mezzo di una riunione, armeggiando pateticamente sotto il tavolo? Avete inoltrato una mail a trenta persone senza controllare cosa ci fosse scritto in coda? Usate la posta elettronica per comunicare qualsiasi cosa vi passi per la testa? Vi siete iscritti a troppe mailing list? Premete ogni due minuti “Ricevi”, nella perversa speranza che sia arrivato l’ennesimo messaggio? Se vi riconoscete in almeno uno di questi comportamenti compulsivi, avete tra le mani il libro giusto.
John Freeman non è un eremita nemico della tecnologia, ma una persona perfettamente calata nel suo tempo che semplicemente suggerisce di fermarsi e guardare cosa abbiamo davanti: un computer connesso a Internet, ovvero uno strumento utile e meraviglioso, non le chiavi di una prigione in cui a quanto pare ci siamo rinchiusi da soli. È tempo di recuperare un modello di comunicazione più umano, ragionato e gratificante: una Slow Communication, il cui manifesto riafferma la superiorità dell’uomo sulla tirannia della tecnologia digitale.


Prime pagine

  • Edizione: 2010
  • Euro: 17,00 €
  • Tot. pagine: 224
  • ISBN: 978-88-7578-155-2

  • Acquista con
    Acquista con IBSAcquista con Amazon

  • Traduzione di Giuliana Olivero

  • Collana:
    Categoria:
    Rassegna stampa
    [Sette - Corriere della Sera - 08/07/10] 32 libri da mettere in valigia
    [Corriere della Sera - 07/07/10] 32 libri per l’estate
    [Il Post - 12/05/10] Ai tempi dei francobolli