«Il titolo del romanzo contiene un paradosso che è l’atteggiamento di ogni testimone diretto: è convinto di raccontare la verità, ma è una verità filtrata dalla qualità della sua memoria, (continua a leggere »)

«Uscite interessanti, libri notevoli e soprattutto copertine belle e inventive. La redazione de Il Post ha selezionato le copertine del mese: alcune le abbiamo scelte per l’inventiva delle scelte grafiche, (continua a leggere »)

«Hope Jahren, scienziata titolare della cattedra di Geobiologia all’Università delle Hawaii, ha dedicato la propria vita professionale allo studio delle piante e ai loro segreti. Lab Girl non è però una classica (continua a leggere »)

«Dall’America al resto del mondo. Accademici ed esperti di linguaggi digitali e di strategie politiche si interrogano sull’avanzata delle fake news. Provando a leggerne la genesi, a comprenderne la diffusione, (continua a leggere »)

«Mettere in piedi un laboratorio non è affatto semplice: bisogna trovare i fondi, gestirlo e mantenerlo. Hope Jahren, studiosa delle piante e docente di geobiologia all’Università delle Hawaii, questo lo (continua a leggere »)