«Due specialisti, a vario titolo, dei processi in corso, espongono in queste pagine, come precisa il sottotitolo “il potere della tecnologia nella competizione globale”. La loro conclusione è che la (continua a leggere »)

Neurologi e psicologi esaminano i brani della cantante Adele vincitrice di sei Grammy della musica e spiegano il loro effetto sul nostro cervello, e anche perché per l’umanità usare ritmo e note sia stato un vantaggio evolutivo.
Nell’articolo Giuliano Aluffi racconta il dibattito nato sui media anglosassoni e condotto da Daniel Levitin di cui abbiamo pubblicato “Il mondo in sei canzoni” e “Fatti di musica”. (continua a leggere »)

Cosa ci spinge a desiderare qualcosa fino ad agire per averla, nel caso in cui sia utile come in quello in cui sia insensata e dannosa?

David Linden, ne La bussola del piacere, ci spiega come funziona quella parte del nostro cervello che provoca il senso del piacere; un “burattinaio nascosto” e “diabolico manipolatore” – come lo definisce Giuliano Aluffi nella sua interessante recensione sul Venerdì di Repubblica – talmente potente da farci percepire la dipendenza come una sorta di apprendimento. (continua a leggere »)