La scienza aiuta a stare uniti – Nell Freudenberger, Repubblica – Scienze

La Repubblica, Scienze

Continua la collaborazione tra Repubblica e Codice Edizioni, partendo dagli interventi prodotti per l’iniziativa Perché la scienza, oggi?: questa settimana è la volta della scrittrice americana Nell Freudenberger autrice del romanzo “Perduta e attesa“.

Ieri ho fatto una mascherina. In un primo momento il governo federale ci aveva sconsigliato di usarle, per conservare le scorte per gli operatori sanitari: all’improvviso la raccomandazione si è capovolta e nostra figlia si è spaventata a morte. Non riusciva a spiegarsi perché fino a ora avessimo trascurato di proteggerla. Ho passato diverse ore a cucirle una mascherina da uno strofinaccio, con risultati mediocri. Nostro figlio – sette anni, asmatico – l’ha guardata e ha sottolineato che non ne voleva una per sé. Poi ha chiesto un altro strofinaccio per farsi una maschera perché voleva travestirsi da topolino.

Senza test attendibili

Anche se non l’abbiamo detto ai nostri figli, mio marito e io siamo abbastanza sicuri di aver contratto il virus nel primo periodo della sua diffusione. L’isolamento ci era sembrato impraticabile, e così abbiamo fatto i turni per dormire di giorno, sperando di non contagiare i bambini. Forse siamo stati fortunati, o forse non avevamo il coronavirus: non possiamo esserne certi, perché il nostro governo non è stato in grado di garantire la produzione e la circolazione di test attendibili. Quando il virus si è diffuso nelle grandi città, sembrava che gli unici americani che avessero accesso al test fossero politici, sportivi e stelle del cinema.

La donna protetta dalla fede

Ieri mio marito mi ha mostrato un video dal suo telefono: un reporter della Cnn intervistava una donna che usciva da un’affollata funzione religiosa in Ohio. La donna negava di essere in pericolo perché era “toccata dal sangue di Cristo”. Quando il giornalista le ha chiesto se era preoccupata di contagiare altre persone – aveva appena dichiarato di fare abitualmente spesa in catene come Walmart e Home Depot – si è arrabbiata, e ha ripetuto che la sua fede l’avrebbe protetta. Tra me e quella donna non c’è distanza, geografica né anagrafica, eppure credo di comprenderla meno di quanto comprendo persone che ho conosciuto viaggiando in Paesi dall’altra parte del mondo.

Un altro sintomo della castastrofe americana

Il baratro che esiste tra di noi è nel cuore della catastrofe americana del XXI secolo, di cui la pandemia è solo un altro sintomo. Il fallimento del nostro governo nel sostenere gli scienziati e il suo ostinato rifiuto dell’evidenza scientifica hanno acuito questo disastro, e affretteranno il cataclisma climatico che verrà, di una portata ben più devastante. In entrambi i casi, gli effetti si faranno sentire prima e con più violenza sugli ultimi; senza un impegno reale a supporto della scienza e negli scienziati, senza leader che si preoccupino di divulgare i risultati della ricerca, la nostra società diventerà sempre più divisa e iniqua. Siamo un Paese di persone con mascherine fatte di strofinacci, guidati da un settuagenario con una mascherina chirurgica che si rifiuta di indossare. Forse, tanto vale travestirci da topolini.

Acquista Perduta e attesa su IBS, Amazon o in e-book su Bookrepublic.