Geni e destino: una realtà complessa – Alessandro Frandi, Almanacco della Scienza

Almanacco della Scienza - CNR

Sull’Almanacco della Scienza, Alessandro Frandi recensisce il saggio di Alberto Piazza, Genetica e destino. «Il genetista Alberto Piazza utilizza il filo rosso del destino per spiegare l’evoluzione biologica dell’essere umano. Pagina dopo pagina la scienza incontra la letteratura e la filosofia, tessendo un dialogo virtuoso. Lo sguardo arguto dell’autore e il suo approccio non scontato consegnano al lettore risposte esaurienti, ponendolo dinnanzi a ulteriori domande».

«Piazza ci spinge a porci alcuni quesiti» sul rapporto tra geni e destino, scrive Frandi. «Esiste il destino? Ogni cosa avviene secondo i disegni del destino? E se sostituissimo il sostantivo destino, presente in entrambe le domande, con il termine gene o anche Dna? Ecco che verrebbero alla luce nuovi e inquietanti interrogativi».

«L’analisi dell’evoluzione umana, non esclusivamente biologica, in assenza di una visione multidisciplinare, è difficile da argomentare. Il titolo del libro rappresenta una realtà ma anche una sfida. Attualmente non è facile seguire la genetica nel suo sviluppo pervasivo in tutti i campi del sapere scientifico, ma è ancora più difficoltoso definire il concetto di destino». La «matassa complessa» dell’intreccio tra geni e destino viene infine «abilmente dipanata nell’opera».

A questo link l’articolo completo.

Acquista Genetica e destino su Amazon, IBS o in e-book su Bookrepublic.