"In compagnia degli estranei" di Paul Seabright
Paul Seabright

In compagnia degli estranei

Traduzione di Giuliana Picco

Varia · Economia
Euro: 28,00
Pagine: 340
ISBN: 8875780161

Gli esseri umani sono la sola specie in natura ad avere sviluppato una elaborata divisione del lavoro fra estranei. Anche una cosa semplice come l’acquisto di una camicia dipende da una rete sorprendente di interazioni e organizzazioni che attraversano il mondo. Ma diversamente dall’altro attributo unicamente umano, il linguaggio, la nostra capacità di cooperazione non si è evoluta gradualmente durante la preistoria. Solo 10.000 anni fa – un battito di ciglia nel tempo evolutivo – gli esseri umani cacciavano in bande, nutrivano profondi sospetti verso gli estranei, e combattevano coloro cui non potevano sfuggire. Con il suo In compagnia degli estranei Paul Seabright fornisce un originale resoconto evolutivo e sociologico della comparsa di quelle istituzioni economiche che gestiscono non solo i mercati ma anche la miriade di altri affari del mondo. Ricorrendo a biologia, antropologia, storia, psicologia e letteratura, Seabright esplora il modo in cui la nostra evoluta capacità di ragionamento astratto ha permesso a istituzioni come denaro, mercati e città di fornire le basi della fiducia sociale. Ma per quanto tempo potrà sopravvivere la rete della vita moderna quando siamo esposti, come mai in precedenza, a rischi che si originano in parti lontane del globo? Questa vivace narrazione ci mostra la stranezza notevole, e la fragilità, delle nostre vite quotidiane.