L'uomo che sapeva troppo
David Leavitt

L’uomo che sapeva troppo (ed. 2007)

Traduzione di Carolina Sargian

Varia · Matematica
Euro: 19,00
ISBN: 978-7578-069-2

Difficile non restare affascinati dalla figura di Alan Turing. Pensatore sregolato e rivoluzionario, matematico geniale in grado di violare durante la seconda guerra mondiale il famigerato codice Enigma, utilizzato dalla Germania nazista. Profeta dell’intelligenza artificiale, da lui teorizzata già negli anni Trenta quando non era stato ancora creato il primo computer.

Ma anche uomo insicuro, solitario e tormentato, etichettato come soggetto pericoloso per la sicurezza dello Stato proprio a causa del suo contributo durante la guerra, poi arrestato e processato con l’accusa di aver commesso atti osceni con un altro uomo. Fino al tragico epilogo del suicidio, per alcuni avvenuto in circostanze misteriose e poco chiare, a soli 41 anni. Difficile, insomma, anon appassionarsi alla sua storia straordinaria, soprattutto se a raccontarla è David Leavitt, indiscusso maestro della letteratura americana.