«”Nella veranda sul retro, apro barattoli di lucciole che fuggono nella notte. Le cose belle dovrebbero essere lasciate libere”. Così twittava Betty Draper, una sera di giugno del 2009. Prima (continua a leggere »)

«I teologi medievali duellavano sul libero arbitrio, noi ci chiediamo se la mente decide. Siamo macchine biologiche soggette alle medesime leggi che governano il mondo? Come la pensano i neurobiologi? (continua a leggere »)

«Riconoscere di vivere in un Paese costruito da schiavi non significa creare ulteriore divisione, significa elaborare la vergogna di secoli di schiavismo, significa trasformare il senso di colpa in un (continua a leggere »)

«In questa estate dove da più parti sembra inevitabile dividere il mondo tra “noi” e “loro”, il memoir di Ta-Nehisi Coates Tra me e il mondo risulta un salutare antidoto». (continua a leggere »)

«In digitale la rivincita della matematica. Matematica in pausa caffè parte dalla domanda: “Vi siete mai chiesti quanta matematica ci sia nei discorsi da bar?”». Matematica alla riscossa questa settimana: (continua a leggere »)