Uno scandalo molto inglese

Sesso, bugie e complotti nel cuore del sistema


Inghilterra, primi anni Settanta. Il leader del Partito Liberale, Jeremy Thorpe, nasconde un segreto: l’ex modello Norman Scott dichiara di essere stato il suo amante nei primi anni Sessanta, quando l’omosessualità era illegale. Insabbiamenti, coperture, minacce, corruzione; Thorpe, insieme ad alcuni fedeli membri del partito, fa ricorso a tutti i mezzi a sua disposizione per proteggere la propria immagine pubblica. La situazione però precipita nell’ottobre del 1975. Un uomo cerca di uccidere Norman Scott e Thorpe è sospettato di essere il mandante del tentato omicidio. Costretto a dimettersi, viene coinvolto insieme ad altri tre imputati in quello che verrà definito “il processo del secolo” ma che non chiarirà mai del tutto la vicenda. Scritto con il ritmo narrativo di un thriller, Uno scandalo molto inglese racconta una straordinaria storia di ipocrisia, inganni e tradimenti nel cuore del sistema politico inglese.

Ricatti, insabbiamenti, ex amanti dal passato oscuro e killer, al centro di uno degli scandali politici più caldi e discussi del Novecento.

«John Preston ha scritto un thriller politico, con dialoghi serrati, ambientazioni suggestive e colpi di scena che vi terranno inchiodati alla pagina».

“The New York Times Book Review”

«Uno dei più controversi scandali politici del Novecento, raccontato magnificamente in un mix irresistibile di farsa e tragedia».

“The Guardian”

Tag: anni settanta, Inghilterra, Jeremy Thorpe, John Preston, Noir, omicidio, omosessualità, Partito Liberale, Politica, Potere, scandalo, Storia, thriller




  • Edizione: 2017
  • Euro: 21,00 €
  • Tot. pagine: 429
  • ISBN: 978-88-7578-697-7
  • Acquista con
    Acquista con IBSAcquista con Amazon

  • Collana:

  • Categoria:
    Rassegna stampa
    Preston – Uno scandalo molto inglese di Gabriele Ottaviani, convenzionali.wordpress.com
    Nello scandalo molto inglese l’unico a rimetterci è un povero cane di Paolo Bertinetti, TuttoLibri
    Con Hugh Grant, uno scandalo molto inglese – Gianmaria Tammaro, La Stampa