Nati per credere

Perché il nostro cervello sembra predisposto a fraintendere la teoria di Darwin


La teoria darwiniana dell’evoluzione rappresenta uno dei maggiori successi scientifici di ogni tempo; eppure molte persone che non si occupano di scienza a livello professionale la rifiutano e mostrano invece di credere in varie forme di creazionismo. Sembra, come ha osservato Richard Dawkins, che il nostro cervello sia stato specificamente «progettato» per fraintendere il darwinismo e che l’ipotesi di una “mente creatrice superiore” sia per l’uomo più attraente e naturale.

In Nati per credere uno psicologo cognitivo, un filosofo della scienza e un neuroscienziato intrecciano le proprie riflessioni e le proprie esperienze di ricerca per offrire al lettore una tesi affascinante: il meccanismo evolutivo ha fatto sì che credere nel sovrannaturale sia diventato una parte integrante dei nostri normali processi cognitivi. La mente umana si è infatti evoluta, in virtù del meccanismo della selezione naturale, per pensare in termini di obiettivi e di intenzioni, un adattamento biologico importantissimo per un animale sociale come l’uomo.

Tag: cognitivismo, darwin, evoluzione biologica, Evoluzionismo, Giorgio Vallortigara, storia della scienza, Telmo Pievani, Vittorio Girotto


Prime pagine

  • Edizione: 2008
  • Euro: 19,00 €
  • Tot. pagine: 216
  • ISBN: 978-88-7578-110-1

  • Acquista con
    Acquista con IBSAcquista con Amazon

  • Collana:


  • Categoria:
  • Rassegna stampa
    Il Corriere della sera – 02/01/09
    D/La Repubblica delle donne – 07/03/09
    Perché crediamo?