Contro Steve Jobs

La filosofia dell’uomo di marketing più abile del XXI secolo


Sono dieci anni che la Apple colleziona un successo dopo l’altro. La società di Cupertino ha portato nelle case di milioni di persone non solo una tecnologia, ma anche uno stile di vita. Chi compra un MacBook, un iPad, un iPhone non sta solo comprando un computer, un tablet o uno smartphone; sta dichiarando un’appartenenza. Sta dicendo qualcosa di sé. Ma cosa c’è dietro questo successo? Cosa è riuscito a fare Steve Jobs che non sono riusciti a fare gli altri imprenditori? Evgeny Morozov, l’enfant terrible del web, ha affilato la sua penna, ha preso un bel respiro, e si è buttato a testa bassa contro i ritratti agiografici dedicati a Jobs che in questi ultimi mesi hanno popolato le librerie e internet. Un’analisi caustica e illuminante sul “miracolo Apple”.

La domanda a questo punto sorge spontanea: Steve Jobs è stato un filosofo che ha cercato di cambiare il mondo, oppure è stato un genio del marketing, capace di trasformare una normale azienda produttrice di computer nell’oggetto di una vera e propria venerazione, mentre era indaffarato a regolare i conti con il passato e a nutrire il suo gigantesco ego?

Evgeny Morozov

Vai al Tumblr dedicato al libro, in cui abbiamo raccolto i 10 pro e 10 contro su Steve Jobs.

Tag: Apple, Contro Steve Jobs, Evgeny Morozov




  • Edizione: 2012
  • Euro: 6,90 €
  • Tot. pagine: 104
  • ISBN: 978-88-7578-324-2
  • Acquista con
    Acquista con IBSAcquista con Amazon

  • Traduzione di Massimo Durante

  • Collana:

  • Categoria:
  • Rassegna stampa
    Jobs, un profeta senza scrupoli (26 aprile 2012)
    Un saggio demolisce Steve Jobs. “Solo un abile uomo di affare” (aprile 2012)
    Steve Jobs? Era un mito. Anzi, un camaleonte pieno di contraddizioni (maggio 2012)
    Tutto il potere al gadget (maggio 2012)
    L’onda tecnologica monta. E’ la “primavera digitale” (maggio 2012)
    Il film su Steve Jobs stroncato dalla critica (e da Evgeny Morozov)