Noi, cyborg, in balìa dell’Archivio – Mario Telò, Il Sole 24 Ore

Il Sole 24 Ore

Mario Telò sul Sole 24 Ore recensisce Il libro dei numeri di Joshua Cohen, che «ci trasporta nel mondo dei techies in un parossistico gioco di metafinzione postmoderna». Cohen realizza «una drammatizzazione grottesca del potere alienante di Internet una specie di malevolo Frankeinstein, che congiura contro i suoi creatori umani fin all’inizio della sua vita artificiale, trasformando la comunicazione in un claustrofobico sistema di coding, in una futile e autoreferenziale combinazione e ricombinazione di simboli numerici.»

«Sono vari i “post-” che definiscono il romanzo di Cohen: non solo il post-moderno, ma anche il post-narrativo e post-umano. Internet rende ciascuno di noi dei “techie” di fatto, distruggendo l’illusione della superiorità della specie umana, costringendoci a prendere atto della nostra esistenza protetica. Siamo tutti “cyborgs”, nello stesso modo in cui lo scrittore contemporaneo è sempre, come il protagonista del romanzo, un “ghost writer”, un fantasma.»

A questo link l’articolo completo.

Acquista Il libro dei numeri su IBS o Amazon.

Joshua Cohen sarà alla libreria Ambasciatori di Bologna giovedì 5 settembre; ospite al Festivaletteratura di Mantova venerdì 6 settembre, dove terrà un incontro al mattino e alla sera presenterà Il libro dei numeri insieme al matematico Claudio Bartocci; e sabato 7 settembre a Milano alla libreria Il tempo ritrovato.