"La libertà di chi?" di George Lakoff
George Lakoff

La libertà di chi?

Traduzione di Valeria Roncarolo
Varia · Politica
Euro: 22,00
Pagine: 272
ISBN: 9788875780869

George Lakoff, linguista di Berkeley, da anni studia l’efficacia e il potere evocativo della metafora, applicando le teorie scientifiche del linguaggio allo studio e all’analisi di uno degli aspetti cruciali della comunicazione pubblica e sociale: la politica. Negli ultimi anni, scrive Lakoff, la destra conservatrice americana – ma il paragone con il nostro panorama politico è immediato e urgente – ha saputo trasmettere, facendo ricorso a un linguaggio pericolosamente populista e retorico ma diretto e convincente, i propri valori fondamentali con maggior vigore ed efficacia rispetto a quanto non abbia saputo fare l’ala progressista. Il discorso di George W. Bush in occasione della celebrazione del suo secondo mandato presidenziale, la cui analisi rappresenta il cuore di La libertà di chi?, è in questo senso indicativo, perché incentrato sull’idea fondante di una società democratica e civile. Bush, in meno di mezz’ora, ha pronunciato quasi 50 volte la parola “libertà” e i suoi sinonimi. Dal momento che, continua Lakoff, la ripetizione ha nella mente di chi ascolta un enorme potere inconscio, questo uso continuo e ossessivo ha permesso alla destra di appropriarsi letteralmente di questo concetto, manipolandolo e piegandolo per giustificare le proprie battaglie politiche e religiose. La libertà di chi? è un’istantanea lucida della nostra contemporaneità un insegnamento per l’intera classe dirigente e politica.