Nathalie Kuperman

La domestica

Traduzione di Ornella Tajani

Narrativa
Euro: 14,90
Pagine: 130
ISBN: 9788875784430

Sandra, imperfetta madre di famiglia con tre figli, un appartamento troppo grande e un marito distratto, assume per la prima volta una donna delle pulizie. Si tratta di Marta, una polacca giovane e simpatica. Quando lei arriva, però, nell’universo di Sandra iniziano ad aprirsi piccole crepe, settimana dopo settimana. Il fatto che Marta sia a così stretto contatto con la sua intimità e con la sporcizia della famiglia precipita Sandra nel panico più assoluto: eccola, che pulisce il suo bagno; eccola, che lava i vetri. Il passato riemerge violentemente, con i suoi segreti e con i ricordi dolorosi che la legano alla madre. Inizia così una sorta di discesa in quel confortevole inferno che può essere la quotidianità.

La relazione con i domestici, custodi e testimoni della vita familiare più intima, è stata oggetto di fascinazione da parte di molti grandi maestri del cinema e della letteratura, da Luis Buñuel a Kazuo Ishiguro in Quel che resta del giorno, da Truman Capote a Jean Renoir, da Robert Altman a Stephen Frears e a James Ivory. Nathalie Kuperman aggiunge la sua voce con leggerezza e inquietudine, raccontando la contemporaneità di un tema sempre adatto anche ai lettori.

«Molto divertente, eppure stranamente tragico.»

“Le Figaro”

«Il nuovo romanzo di Nathalie Kuperman splende come una piccola particella d’inferno.»

“Le Canard enchainé”

«Un incredibile viaggio al cuore di una psicosi.»

Pierre Schavey