La cattedrale di Turing - George Dyson
George Dyson

La cattedrale di Turing

Traduzione di Stefania De Franco e Gaia Seller

Varia · Tecnologia
Euro: 24,90
Pagine: 450
ISBN: 978-88-7578-318-1

«È possibile inventare una singola macchina che possa essere usata per calcolare qualunque successione calcolabile». Con queste parole Alan Turing, il leggendario matematico che riuscì a decrittare il codice Enigma dei nazisti, immaginò nel 1936 l’esistenza di quello che per noi oggi è un oggetto più che quotidiano: il computer. Quasi vent’anni dopo, nel 1953, un gruppo di fisici e ingegneri, guidati dal genio e dalla determinazione di John von Neumann, diede forma alla profetica intuizione di Turing e costruì a Princeton il primo calcolatore programmabile, dedicato inizialmente ai calcoli balistici per l’industria militare. Con una potenza di calcolo di appena 5 kilobyte – la stessa che oggi serve a malapena a muovere il cursore sui nostri schermi – von Neumann e i suoi mossero i primi passi nel neonato universo digitale. E il mondo non sarebbe mai più stato lo stesso.

 

Sto lavorando a qualcosa di molto più importante della bomba. Sto lavorando a un computer.
John von Neumann, 1946

 

La tecnologia più esplosiva del ventesimo secolo non è stata la bomba atomica, ma il software. Ed entrambe sono state create dalle stesse persone.
Kevin Kelly, fondatore di Wired e autore di Quello che vuole la tecnologia