Un nuovo ritmo, di Vittorio Bo

In questi giorni le nostre abitudini sono messe a dura prova dall’emergenza sanitaria. Viviamo le nostre vite tra le mura di casa, osservando protocolli sempre più restrittivi per fronteggiare l’epidemia.

Molti ancora sono chiamati al lavoro per il funzionamento dei servizi essenziali del Paese. Altri – come medici, chirurghi, infermieri ed operatori sanitari – per garantire la salute pubblica e salvare vite, con dedizione e sacrifici straordinari.
Nel rallentamento della routine quotidiana cerchiamo di prendere o creare un nuovo “ritmo”, riscoprendo anche il piacere di gesti, momenti e pratiche dimenticate. Leggere è uno di questi: ci aiuta a pensare, a evadere, a creare mondi, a inoltrarci nell’ignoto. Leggere è anche un desiderio di conoscenza, di sapere, di informarsi: per costruire la nostra coscienza critica ed essere cittadini responsabili.
Noi crediamo nella militanza della lettura e attraverso i nostri libri vogliamo nutrire comunità di lettori appassionati. Siamo convinti che in questo momento alcuni testi siano ancor più necessari, per aiutarci a capire oggi e non dimenticare domani.
Negli anni abbiamo ricercato e proposto saggistica e narrativa che interpretassero il mondo contemporaneo attraverso le lenti di cambiamenti sempre più rapidi e profondi.
Le librerie sono chiuse e questo è un aspetto estremamente critico. Non solo perché avrà un impatto negativo per tutta la filiera, ma soprattutto perché rappresenta una frattura tra chi scrive e chi legge, cosa mai successa prima.
Per questo ci affidiamo al supporto della rete e dei social: per offrirvi nuove modalità di comunicazione, scambio, relazione e mantenere vivo il dialogo con i lettori.
Vi invitiamo a vivere questi momenti come un’occasione per pensare, attraverso libri, confronti e dibattiti: in questi giorni stiamo proponendo diverse occasioni di riflessione che spaziano dai testi tratti dal nostro catalogo (estratti e libri) a incontri con i nostri autori.

Vi aspettiamo per condividere le vostre esperienze, idee, punti di vista, per arricchire la comunità che vogliamo creare.