Alessandro Beretta su Rolling Stone di marzo recensisce Uno strano silenzio di Paul Davies e regala al libro ben 4 stelle (il massimo).
[…] Ce n’è per tutti i rami della scienza e tra batteri estremofili, finestre di abitabilità, macchine di Von Neumann e altro si corteggia il confine tra adrenalina e scetticismo. Una lettura che fa pulizia di astronavi, mostri e mito come l’Area 51 (mai nominata). Finora non si è raggiunto nessun risultato, ma nel frigorifero del SETI è pronta una bottiglia di champagne. (continua a leggere »)

“La scienza delle serie tv ci porta nel dietro le quinte di alcuni dei serial più famosi e seguiti degli ultimi anni; ne mette in evidenza le incongruenze (essì, può (continua a leggere »)

«Bello parlar d’amore. D’amore e di sesso e di piacere. Leggiamo romanzi e saggi anche per questo. C’è tuttavia qualcosa che non convince nelle tante trattazioni sull’amore: si dà per (continua a leggere »)

“Le umiliazioni più violente sono opera di brave persone, come me e te. E non c’è alcun modo di controllare le brave persone. Internet ci dà un grande potere, ma (continua a leggere »)

«”Le storie sono segnali chiari che emergono dal rumore di fondo”. É una frase contenuta nel saggio di Frank Rose ed è un’affermazione difficile da non condividere. Cosa derivi esattamente (continua a leggere »)