Ieri Luca De Biase ha presentato Homo pluralis a Milano, alla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, insieme a Ferruccio de Bortoli e Morgan. Qui uno speciale del Corriere.it     Ne approfittiamo (continua a leggere »)

«Il nostro contratto sociale con i sovrani digitali è a un livello primitivo, hobbesiano, monarchico. Se siamo fortunati, abbiamo un buon sovrano e preghiamo che il figlio e l’erede da (continua a leggere »)

«Dying on the vine, morire sulla vite, è il titolo di una canzone di John Cale, il fondatore dei Velvet Underground: una ballata del 1985 in cui cercando vini si (continua a leggere »)

«Perché Dante parla del 515 e lo scrittore Giovannino Guareschi del 23? Che cosa unisce i 99 Esercizi di stile di Queneau e Le mille e una notte? Che cosa c’entrano Paperino, Topolino e la Banda (continua a leggere »)

«Da qualche parte nel suo studio a Santa Monica, poco lontano dall’oceano, Aaron Sorkin sta sorridendo. Lo sceneggiatore più ricco di Hollywood (West Wing e The Newsroom in tv, Codice (continua a leggere »)