Risultati per tag: david leavitt

«Una biografia che diventa un manuale – semplificato e non semplicistico – al linguaggio e ragionamento matematico alla base del dispositivo creato dallo stesso Turing». Quando un libro racconta una (continua a leggere »)

Pensatore sregolato e rivoluzionario, matematico geniale in grado di decifrare, durante la Seconda guerra mondiale, i messaggi della famigerata macchina Enigma, usata dalla Germania nazista; soprattutto profeta dell’intelligenza articiale, da lui teorizzata già negli anni Trenta quando non era stato ancora creato il primo computer. Ma anche uomo insicuro, solitario e tormentato, etichettato come soggetto pericoloso per la sicurezza dello Stato proprio a causa del suo
contributo durante la guerra, poi arrestato e processato con l’accusa di aver commesso atti osceni con un altro uomo. Fino al tragico epilogo del suicidio, per alcuni avvenuto in circostanze misteriose e poco chiare, a soli quarantuno anni. Difficile non restare affascinati dalla figura di Alan Turing. Difficile, a maggior ragione, se a raccontarne la storia straordinaria è David Leavitt, indiscusso maestro della letteratura americana. (continua a leggere »)

«I computer possono pensare? La domanda è alla base di uno dei più intrigranti e controversi snodi dell’evoluzione delle tecnologie delle macchine e il principio su cui si fonda, il (continua a leggere »)

Ciò che merita Alan Turing

17 dicembre 2012

«Alan Turing, il decrittatore del codice Enigma condannato in quanto omosessuale nel 1952, dovrebbe ricevere una “grazia postuma”, sostengono il professor Stephen Hawking e altri importanti scienziati. In una lettera (continua a leggere »)

Il 27 giugno, cioè ieri, Tommaso Pincio ha pubblicato sul suo blog personale, tommasopincio.net, un bellissimo post intitolato “Il tempo delle mele”.

Il pezzo traccia una critica del libro di Leavitt, evidenziando gli aspetti più oscuri e controversi della vita, e soprattutto della morte, di Alan Turing (qui il ritratto che ne abbiamo fatto la settimana scorsa, in occasione del centenario della sua nascita e della ristampa del libro). (continua a leggere »)