Scienziati che spiegano la scienza – Elena Cattaneo e Andrea Grignolio, Il Sole 24 Ore

18 aprile 2018 - rassegna stampa - Il Sole 24 Ore

«Gli scienziati che pensano che il loro compito sia “fornire dati inoppugnabili”, “mettere la propria scoperta sul bancone del laboratorio” o “consegnare dati e risultati nelle mani della politica, affinché decida cosa farne”, magari dichiarando di “voler restare fuori dalla discussione pubblica”, specie se complessa, o entrandovi solo con l’intento di coltivare privilegi e un ritorno personale, reca un grave danno alla scienza e alla società. Chi agisce così non si deve poi stupire se vengono distrutte o bruciate le piante Ogm, se vengono impedite ricerche in campo aperto per il miglioramento genetico delle varietà tipiche nostrane, se le risorse pubbliche destinate alla ricerca sbandano tra procedure non competitive e assegnazioni arbitrarie e discriminatorie, se prima della recente reintroduzione dell’obbligo vaccinale l’Italia era il penultimo Paese europeo per copertura (…).

Questo elenco – che ripercorre solo gli ultimi quattro anni – impressiona (e addolora), ma aiuta a capire quanto sia ingenua la visione di quanti ritengono che il ruolo dello studioso si possa fermare dentro il laboratorio. E dovrebbe suggerire agli studiosi che i risultati della scienza vanno costantemente spiegati, accompagnati e presidiati contro manipolazioni, mode e pregiudizi antiscientifici».

Su Il Sole 24 Ore, Elena Cattaneo e Andrea Grignolio definiscono il ruolo che dovrebbero avere gli scienziati nella società di oggi.

Clicca qui per leggere l’articolo.

Il richiamo dell’Oms all’Italia per il pericoloso calo delle vaccinazioni è l’episodio più recente di un acceso dibattito che conferma quanto questo tema sia oggi cruciale. I vaccini sono fra le scoperte scientifiche più importanti per il genere umano, eppure continuano ad essere guardati con sospetto da parte dell’opinione pubblica, vittima di campagne di disinformazione, di strumentalizzazioni e di paure infondate. Queste credenze irrazionali hanno però una spiegazione evolutiva, senza la quale sarà difficile risolvere la crescente opposizione sociale. Questo libro, che fa luce sulla sicurezza e sull’importanza delle vaccinazioni, è dedicato sia ai genitori sia a chi vuole capire il ruolo dei vaccini nella società contemporanea, in cui il facile accesso al sapere è tanto una grande opportunità quanto una grande responsabilità. I capitoli si sviluppano attraverso una narrazione storica e si concludono discutendo le più recenti teorie cognitive per affrontare le resistenza verso le vaccinazioni.

Acquista Chi ha paura dei vaccini? su IBS o su Amazon.

Tag: Andrea Grignolio, Chi ha paura dei vaccini, comunicazione della scienza, Elena Cattaneo, medicina, prevenzione, Vaccini