“Mirabilia” di Renato Bruni – Massimo Sandal, il Tascabile

11 gennaio 2019 - rassegna stampa - Il Tascabile

«Tra le mirabili invenzioni delle piante c’è il seme, un nucleo denso di nutrienti e informazione genetica, capace di rimanere sopito anche per anni per poi, se le condizioni sono ben allineate, germinare: una goccia di senso che si srotola in rami, foglie, fiori. Alle piante inoltre piace essere ibride, ovvero creare identità nuove miscelando genetiche lontane. Mirabilia di Renato Bruni è questo, un libro di semi e di ibridi. Bruni, docente all’Università di Parma, si è ritagliato il ruolo di narratore del mondo vegetale in Italia già con due libri precedenti, Erba volant e Le piante son brutte bestie. Ruolo ingrato e necessario, visto che ahinoi i vegetali, salvo si tratti di ingredienti da cucina, sono le eterne Cenerentole delle divulgazioni biologiche, in cui dominano inevitabilmente gli animali. Mirabilia è precisamente così: una serie di semi da cui germogliano discorsi. Botanici, sì, in senso stretto, ma da cui traspaiono realtà che sono chiave generale della biologia e del nostro rapporto con i viventi».

Su “il Tascabile” Massimo Sandal racconta il percorso compiuto da Renato Bruni in Mirabilia, «in cui ogni opera non è punto d’arrivo, ma di partenza per un percorso scientifico nel mondo delle piante. Un’idea utile, in quest’epoca in cui la scienza viene svilita come mero debunking o come facile infotainment: un taglio trasversale che non ha paura di abbracciare discipline remote, dove semplice non vuol dire banalizzato».

Leggi l’articolo completo a questo link.

“Mirabilia” di Renato Bruni

Mirabilia. La botanica nascosta nell’arte è una mostra scientifica come non ne avete viste mai. Una mostra è l’insieme delle vie che essa è in grado di aprire nella mente del visitatore, e se ben fatta non si limita a una fruizione passiva che faccia dire «ho visto i girasoli di Van Gogh», ma «guardando i girasoli di Van Gogh ho scoperto una cosa nuova». In Mirabilia questa scoperta riguarda il sorprendente mondo delle piante svelato nelle opere di Dürer, Degas, Hokusai, Rivera, Duchamp, Warhol, Banksy e molti altri, dalle dinamiche ecologiche all’archeobotanica, dal sapore dei pomodori fino alle vertical farm e alle rivoluzionarie frontiere della ricerca.

Una mostra d’arte, come un libro, è forse il miglior modo per farsi portare in un luogo inesplorato e nuovo, per fare un passo verso risposte grandi e piccole, per sentirci persone migliori.

Mirabilia è un’ideale visita in un museo in cui celebri opere d’arte raccontano storie impreviste, aprendo porte inattese sulla cultura scientifica e botanica.

Acquista Mirabilia su Ibs o Amazon.

Scopri l’articolo a questo link.

Tag: Arte, arte e scienza, Botanica, botanica moderna, Mirabilia. La botanica nascosta nell'arte, piante, Renato Bruni