Lab Girl – Pia Meda, “Gardenia”

25 luglio 2018 - rassegna stampa - Gardenia

Storica rivista dedicata a fiori, piante, orti e giardini, questo mese “Gardenia” dedica spazio all’autobiografia della geobiologa Hope Jahren, Lab Girl. La mia vita tra i segreti delle piante. Un libro appassionante, che unisce l’amore per la scienza al racconto personale di una donna che ha dedicato la sua vita alla ricerca, affrontando tutte le difficoltà di essere una scienziata donna oggi.

A questo link trovate la recensione pubblicata su “Gardenia”.

“Lab Girl” di Hope Jahren. Illustrazione di Alessandro Baronciani

La geobiologa Hope Jahren ha speso un’intera vita a studiare gli alberi, i fiori, i semi e la terra che li ospita. Lab Girl è la sua straordinaria autobiografia, ma anche una celebrazione della curiosità, dell’umiltà e della passione che guidano ogni scienziato, e dei risultati che si possono raggiungere quando vita e lavoro si intrecciano. L’autrice ci accompagna dalla sua infanzia in una piccola città del Minnesota, dove giocava nel laboratorio dell’università gestito da suo padre, fino ai tanti viaggi sul campo, dal Midwest alla Norvegia e all’Irlanda, dai cieli pallidi del Polo Nord alle Hawaii. Le storie raccolte in questo libro – intime, appassionanti e molto divertenti – animano ogni singola pagina e raccontano le intuizioni e il lavoro necessari per scoprire la vita segreta delle piante.

«Lab Girl farà per la botanica quello che i libri di Oliver Sacks hanno fatto per la neurologia e quelli di Stephen Jay Gould per la teoria dell’evoluzione». Michiko Kakutani, “The New York Times”

Tag: biologia, Hope Jahren, Lab Girl, Laboratorio, natura, piante, scienza, scienziata