I giardini di marzo – Tre appuntamenti di botanica al Labirinto della Masone

26 febbraio 2018 - rassegna stampa - La Gazzetta di Parma

«Potrebbero dominare l’intero pianeta, dato che tra le specie viventi e quelle appartenenti al Regno vegetale sono quelle indispensabili alla vita e sicuramente le più numerose, eppure le piante nella maggioranza dei casi ci appaiono silenti, immobili e sopratutto misteriose, anche quelle di cui ci occupiamo quotidianamente. Sarà Renato Bruni, professore associato di botanica e biologia farmaceutica presso l’Università di Parma e autore del volume Le piante son brutte bestie, a svelarne i segreti nel primo incontro della serie intitolata “I giardini di marzo”, che si terrà al Labirinto della Masone a partire da giovedì».

Su “La Gazzetta di Parma” la presentazione degli appuntamenti “I giardini di marzo”, inaugurati dall’incontro con Renato Bruni, autore di Le piante son brutte bestie. Continua a leggere l’articolo QUI.

Dopo aver ereditato un giardino di città, un botanico da laboratorio inizia a osservare aiuole, prati e vasi con lo sguardo della biologia, della chimica, dell’ecologia e della fisica. Senza timore di sporcarsi le mani, imparerà sul campo che le piante non sono creature così semplici e angelicate. Tra un colpo di zappa e un esperimento, sfoltirà qualche leggenda e fertilizzerà alcune stranezze vegetali. Le storie meno battute e le spiegazioni meno ovvie di un anno di giardinaggio mettono radici, collegando il pollice verde allo sguardo della ricerca. Una prospettiva che ci porterà a scrutare orti privati, parchi urbani e balconi fioriti con occhi diversi. E ci farà cambiare idea su qualche abitudine nella gestione dei giardini, non sempre davvero amica dell’ambiente.

 

Acquista Le piante son brutte bestie su Ibs o su Amazon.

Tag: Ambiente, Botanica, chimica, fiori, giardino, Le piante son brutte bestie. La scienza in giardino, piante, Renato Bruni, scienza