Genere e sesso nel saggio di Nicla Vassallo – Michela Meloni, Mangialibri

27 marzo 2018 - rassegna stampa - Mangialibri

«Sesso e genere, fuori dai loro connotati letterari, si rivelano spesso, nelle società moderne, meri stereotipi che tendono a inscatolare individui e singolarità in percorsi già scritti. Donna è spesso sinonimo di femmina, così come uomo lo è di maschio, riconducendo tutto il discorso sulle differenze di genere a un unico tema, quello biologico: esistono davvero solo soggetti XX e XY? Oppure l’appartenenza di genere è una questione sociale e non solo biologica?

Enormi passi avanti sono stati fatti dal destino biologico che ha imprigionato per secoli le donne a un ruolo domestico. Con la legge n. 66 del 9 febbraio 1963 il Parlamento italiano ha permesso alle donne di accedere a tutte le cariche pubbliche, compresa la Magistratura. Prima di allora alle donne era negato l’ingresso e la carriera per stereotipi biologico-deterministici secondo cui “La difficile arte del giudicare […] richiede grande equilibrio e alle volte (alla donna) questo equilibrio difetta per ragioni fisiologiche”. Come se il genere fosse l’interpretazione sociale del sesso, ciò che caratterizza ogni singolo individuo di sesso femminile o maschile. Come se esistesse la donna, e in questo caso l’articolo determinativo è specchio del pensiero prevalente: assoluta, immodificabile e simile a una Musa. Uno status quo che in realtà distrugge le differenze e le varietà fra donna e donna, piegandone l’esistenza a ruoli prefissati e convenienti. Il saggio della filosofa Nicla Vassallo si pone come una riflessione interdisciplinare sulla questione sesso e genere, partendo dal semplice, ma non per questo scontato, assunto scelto come titolo del libro: La donna non esiste».

Sul Mangialibri.com, la recensione di Michela Meloni del saggio La donna non esiste di Nicla Vassallo.

Clicca qui per leggere l’articolo completo.

Negli ultimi anni il dibattito sul rapporto tra sesso, identità e genere si è intensificato. In pochi però se ne interessano, e molti purtroppo parlano a sproposito. I contributi raccolti in questo volume gettano su questi temi uno sguardo innovativo, multidisciplinare e spesso ribelle. Gli stereotipi oggi dominanti (e limitanti) di sesso e gender vengono superati, per concedere a ogni essere umano la propria individualità. Inoltre vengono affrontate alcune questioni cruciali. Quanti sono i sessi? Come si pone la biologia di fronte alla classificazione della appartenenza al sesso e alla multidimensionalità dell’identità di genere? Come la bioetica ripensa l”‘umano” dopo il superamento del binarismo sessuale? Le nostre città marginalizzano gli individui la cui vita sociale e privata non può essere ingabbiata in spazi specializzati? Che tipo di medicina è la medicina di genere? In quali modi il neurosessismo continua a manifestarsi nel rapporto comunicativo tra scienza e società civile? Con i contributi di Ulrich Pfeffer, Adriana Albini, Maurizio Mori, Eva Cantarella, Vera Tripodi, Claudia Bianchi, Nicla Vassallo.

Acquista La donna non esiste su IBS o su Amazon.

Tag: attualità, binarismo sessuale, identità di genere, La donna non esiste, Nicla Vassallo, sesso