«Sono i nuovi poveri, i 50enni (e oltre) liberi professionisti alle prese con un lavoro tutto nuovo. Che ha perso la solidità e i “privilegi” di un tempo e si (continua a leggere »)

«”Un malato cronico che però è ancora in grado di tirare fuori dei risultati eccezionali”. Così Roberto Defez definisce la ricerca italiana. Tutto è nato da una conferenza Ted, organizzata (continua a leggere »)

«Viviamo nel plasticene, l’era della plastica. Fra migliaia di anni quando gli archeologi scaveranno alla ricerca di informazioni sulla nostra civiltà troveranno soprattutto plastica. Nell’oceano Pacifico, in un’area tra le (continua a leggere »)

«La solitudine è una questione relazionale e pubblica. Eppure viene letta principalmente come se fosse un problema individuale, privato. Anche se un fenomeno pubblico la solitudine lo è sempre stato, (continua a leggere »)

«Non è un paese per scienziati, l’Italia. Almeno non per quei ricercatori i quali sanno che il progresso scientifico e tecnologico si fonda su quella che il Nobel Jacques Monod (continua a leggere »)