Caos

L’effetto farfalla è la fortunata espressione coniata dal meteorologo Edward Lorenz negli anni Settanta del Novecento, per indicare come piccole variazioni nelle condizioni iniziali di un sistema possano provocare grossi stravolgimenti nel sistema stesso, e la sua definizione ha aperto la strada a una nuova stagione nel settore degli studi di logica e matematica. Una goccia che cade in acqua, la linea frastagliata di una costa, l’evoluzione delle condizioni meteorologiche, la forma delle nubi, i crash dei sistemi informatici, le oscillazioni dei mercati azionari: per la scienza tradizionale questi fenomeni sarebbero stati assegnati al regno dell’informe, dell’imprevedibile, dell’irregolare. Ora, invece vengono studiati e analizzati come sistemi caotici non lineari. Ma attenzione, ci avverte Leonard Smith: è importante sottolineare che “caos” non è sinonimo di “caso”, come la logica potrebbe indurre a pensare. E nemmeno si può parlare di disordine: i sistemi non lineari, alla luce delle nuove scoperte della teoria del caos, sono sistemi dinamici prevedibili a breve termine, quindi riconducibili a una logica nuova, a un approccio conoscitivo che, abbandonata definitivamente la pretesa di un dominio completo dell’uomo sulla natura, ne rispetta e interpreta la complessità.

Tag: Leonard Smith, Matematica, teoria del caos


Prime pagine

  • Edizione: 2008
  • Euro: 15,00 €
  • Tot. pagine: 216
  • ISBN: 978-88-7578-113-2
  • Acquista con
    Acquista con IBSAcquista con Amazon

  • Traduzione di Andrea Prunotto

  • Collana:

  • Categoria: